A che punto sono i colloqui di pace a L’Avana?

Il governo colombiano e il movimento paramilitare Farc avevano iniziato dei colloqui di pace per porre fine al conflitto che perdura da decenni.

I colloqui si svolgevano a Cuba ed ora è terminata la prima fase, riprenderanno già il 5 dicembre prossimo. Da quanto dichiarano rappresentanti del governo di Bogotà, sembra che i negoziati stiano avanzando, senza fretta, “come previsto” e con parecchie aspettative. La prima, già ottenuta dai colloqui a L’Avana è stata la tregua che il comando militare delle Farc ha dichiarato proprio nei giorni scorsi.

Le discussioni principali trattano la riforma agraria in Colombia, una delle motivazioni della nascita delle Farc stesse. Già nei primi anni della sua costituzione (nel 1964 nasce l’apparato militare) subirono la forte repressione da parte dello Stato colombiano dopo che in alcune regioni vigeva l’autorganizzazione agraria contadina sotto il controllo delle stesse Farc che secondo lo Stato centrale minacciavano la sua integrità. Nei colloqui di pace, però, si è parlato e si parlerà anche di “diritto all’opposizione” (da non scordarsi è ciò che successe ai membri del partito di Union Patriottica, ora invece è ottimo il lavoro che sta facendo Marcha Patriottica) e poi il traffico di droga e i diritti delle vittime del conflitto.

Bookmark the permalink.