Ancora 15 Ottobre

Davide Rosci, Mauro Gentile, Mirco Tomassetti, Marco Moscardelli e Cristian Quatraccioni i nomi di chi deve rispondere di “devastazione e saccheggio”. 
Il 15 Ottobre dello scorso anno, nel corso della manifestazione degli indignati promossa da sigle della sinistra e del centrosinistra, uno spezzone nero dal quale campeggiava la scritta “non chiediamo il futuro, ci prendiamo il presente” movimentò la giornata di mobilitazione internazionale. Finì nei famosi scontri violenti a Piazza San Giovanni.
Oggi invece, vengono chiesti nei confronti dei cinque manifestanti: Davide Rosci, Mauro Gentile, Mirco Tomassetti, Marco Moscardelli e Cristian Quatraccioni ben otto anni di reclusione (a testa) e un risarcimento pari a 2 milioni di euro. Ciò è quanto risulta dalla richiesta presentata alla procura di Teramo. I soggetti sarebbero stati identificati ed accusati di aver partecipato agli scontri con la polizia, in questo caso i presunti reati ai quali devono rispondere sono di resistenza pluriaggravata, devastazione e saccheggio.
Nell’attesa della sentenza, che si pronuncerà il prossimo gennaio, noi vi riproponiamo magari cercando di convogliare tutto in un dibattito alcune riflessioni che scaturirono dai quei giorni quella scritta dal Collettivo Militant (che potete leggere qui) e quella del Network Antagonista Torinese (che potete leggere qui). Vi riproponiamo anche il nostro videoreportage Repressione ai tempi della recessione nel caso in cui non l’abbiate ancora visto.
Sull’argomento ci ritorneremo e molto presto anche a seguito delle giornate di mobilitazione che hanno coinvolto tutta l’Italia. Lo faremo con le foto inedite degli scontri a Roma e con un contributo molto speciale. Stay Tuned!
Bookmark the permalink.