Dalla deposizione di Mubarak a quella di Morsi: l’Egitto che resta in piazza

Il terzo dossier dell’estate di First Line Press riguarda l’Egitto. La programmazione ha voluto capitasse proprio in un giorno così decisivo e drammatico per il Paese che più abbiamo raccontato durante quest’anno. Lo speciale “Dalla deposizione di Mubarak a quella di Morsi-L’Egitto ancora in piazza” raccoglie tutti gli articoli, i video-reportage ed i fotoreportage che abbiamo realizzato sul campo, tra le manifestazioni che nei mesi scorsi non venivano raccontate, tra i diritti, i problemi ed i volti che poi nell’informazione a cui siamo abituati sono spuntati d’incanto i primi di luglio, con il ritorno dei militari. Nomi, partiti, luoghi e protagonisti che appunto sembrano apparsi improvvisamente tra i racconti di questi giorni, ma che in realtà hanno avuto una loro specifica funzione in questi due anni post-rivoluzione e noi, nei passati sette mesi, abbiamo provato a renderveli tutti comprensibili e quindi ora facilmente individuabili.

Piazza Tahrir da una parte, di nuovo riempita da quelle che sono state le opposizioni al Governo di Mohammed Morsi, riunitesi nella campagna Tamarod, in supporto delle decisioni dell’esercito, ed i sostenitori dei Fratelli Musulmani in barricate dall’altra parte. Ciò può appunto essere compreso con una lettura ampia della storia degli ultimi due anni.

Il nostro focus sull’Egitto speriamo possa fornirvi un’analisi efficace e chiara. Scaricarlo è semplice e gratuito, disponibile per qualsiasi supporto, da consultare magari nei giorni di pausa d’agosto.

Il pdf si scarica qui, ma a settembre torneremo con altri contenuti realizzati sul campo e che tenteranno di non abbandonare la questione egiziana, come tutte quelle che First Line Press ha il sogno di tenere in vita, al di là delle fiammate alterne dell’informazione mainstream.

Buona lettura: avete tutto agosto per leggere con calma gli speciali!

Bookmark the permalink.