Il caso dei rifugiati in Italia nell’International Herald Tribune

Si continua a parlare dell’ospitalità dei migranti in Italia, stavolta se ne occupa il giornale statunitense, nel completo disinteresse italiano.

Lo hanno chiamato il “paradosso italiano”, evidentemente non abituati alle poco chiare gestioni di emergenze qui in Italia, l’accoglienza nelle baraccopoli di migliaia di rifugiati provenienti dal Corno d’Africa. Solo che l’han sbattuto in prima pagine l’International Herald Tribune, e non su un giornale qualunque. Ma se è pressoché irrilevante il futuro dei rifugiati dell’emergenza Nord Africa per l’opinione pubblica italiana, quando se ne occupa un settimanale italianoimmaginatevi se di tutto ciò se ne occupa un giornale estero.

L’articolo è a firma di Elisabetta Povoledo, canadese di nascita, che è corrispondente dall’Italia per il New York Times nonché collaboratrice della Rai. Il pezzo tratta del famoso Salaam Palace, uno dei tanti edifici abbandonati di Roma ex sede universitaria di Tor Vergata, occupato da rifugiati dal Corno d’Africa. Le condizioni sono pessime in un luogo dove vivono in 800 persone e dove un bagno è condiviso da 250 persone secondo il programma tutto italiano del “prima li si accoglie e poi li si dimentica”. Di situazioni simili, ne fa cenno anche l’articolo, a Roma ce ne sono molte e circa 900 sono le persone che vivono nello stesso o più squallido sistema lungo le rive del Tevere, per esempio.

Molto criticata è l’accoglienza da parte dello Stato italiano, ma soprattutto quanto ai successivi passi d’integrazione che lo Stato non cura. Con il 31 dicembre, per esempio, non finisce solo il 2012, ma anche l’assistenza per i rifugiati arrivati dal Nord Africa. Al momento le associazioni che ospitano i ragazzi dovranno esclusivamente fornire l’assistenza necessaria ai migranti fino a che non otterranno il permesso di soggiorno per un anno (per chi ancora non l’ha ottenuto).  Dopodiché?

L’articolo completo del New York Times lo trovate qui.

Questi, gli articoli di First Line Press sull’argomento:

- I rifugiati nelle strutture alberghiere italiane: cosa succede? Intervista a un mediatore culturale operativo nel centro di Amantea

- Emergenza Nord Africa: ora a chi interessa?

- Profughi dal Nord Africa, una brutta storia italiana

 

Bookmark the permalink.