L’inferno del Cie di Ponte Galeria a Roma

Un bell’articolo di Susanna Marietti sul Manifesto rompe l’isolamento, grazie alla campagna LasciateCIEntrare, di cui vi avevamo già parlato, dei migranti detenuti nel Cie di Roma.

“Ci hanno lasciati entrare. Eravamo un bel numero, una trentina, ieri mattina dentro il Centro di Identificazione ed Espulsione di Ponte Galeria a Roma. Giornalisti, candidati al Parlamento quali Ilaria Cucchi e Roberto Natale, rappresentanti di associazioni che hanno aderito alla campagna LasciateCIEntrare, coordinata da Gabriella Guido e nata nell’aprile 2011 all’indomani della circolare con cui l’ex ministro Maroni voleva impedire l’ingresso agli organi di informazione nei Centri della detenzione amministrativa per stranieri.

Ieri ci hanno lasciati entrare, ma è troppo poco. Là dentro bisogna tornarci. E bisogna tornarci una, due, cento volte. E bisogna tornarci tutti. Ci deve tornare il prossimo Parlamento, che appena insediato deve dimostrare di saper mettere la tutela dei diritti umani al centro della propria attività. LasciateCIEntrare si rivolge a tutte le forze politiche affinché prendano un impegno specifico riguardo i Cie, nella ricerca di soluzioni che vadano verso la loro chiusura e nello studio di nuove modalità di identificazione dello straniero. «We don’t want to stay here», urlava aggrappato alle maglie della grata un ragazzo nigeriano circondato dai compagni. Tutti urlavano”. Continua a leggere qui…

Bookmark the permalink.